Lucia Traina

Matteo Di Pascale
Novembre 29, 2016
Armando Barone
Novembre 29, 2016
Solo i bambini riescono a vedere davvero le cose, solo loro sanno ascoltare il rumore del mondo. Questa sono io: l’amore per i piccoli. Ho sempre cercato di non allontanarmene mai, a partire dall’insegnamento dell’aikido a bambini di tre anni fino alla nascita di mia figlia. E poi c’è la scrittura, la traduzione, il mondo delle storie. Mi appassiona immaginare mondi diversi, leggere di personaggi inventati. Vedere una realtà che non esiste, immaginarne e scriverne. E poi è successo che tradurre una storia mi abbia avvicinato ancora di più al mondo dei bambini. Tradurre non è spostare da una lingua all’altra delle parole, non è dire in una lingua diversa la stessa cosa. Tradurre vuol dire insinuarsi in una testa che non sia la nostra, vedere il mondo come lo vede l’autore. E poi riscriverla. Come avrebbe fatto lui, ma con parole nostre. Nella nostra lingua, nella nostra cultura, nel nostro tempo. Questa sono io: i bambini, le storie, la traduzione.

Pubblicazioni