Potevo essere un impiegato di banca – invece sono un pianista jazz

[…] In questo libro, una cavalcata che ha il ritmo vorticoso di uno dei suoi assoli al pianoforte, c’è un viaggio picaresco che ricorda, a tratti, quello di un Don Chisciotte che ha un pianoforte al posto del mulino, un Don Chisciotte che diventa anche Sancho Panza per poi ritornare cavaliere, ed è un viaggio che si snoda principalmente lungo un trentennio, diciamo dalla fine degli anni ’80 fino al 2010/2012, in cui fare jazz e vivere di solo jazz non era solo possibile ma anche enormemente divertente: in questa grande scatola di balocchi trentennale Carlo Uboldi è entrato e si è ritagliato un ruolo di primo piano.
Dalla Prefazione di Igor Ebuli Poletti

5,9910,00

COD: N/A Categoria: Tag: ,

Dettagli titolo

Formato

Ebook – Amazon, Libro

ISBN libro

9791281408043

Pagine

124

Pubblicazione

marzo 2024

Autore

Carlo Uboldi

Carlo Uboldi

Carlo Uboldi nasce a Como nel 1966 e debutta a 16 anni alla Rassegna del jazz comasco ottenendo umerosi consensi e mettendosi in luce per il suo stile ispirato al grandissimo pianista Canadese Oscar Peterson, che sarà per sempre un suo punto di riferimento. A 17 anni debutta in televisione su RAI 1 in trio coi suoi fratelli suonando già brani di sua composizione nella trasmissione TV1 ESTATE. Qualche anno dopo tornerà in televisione alla trasmissione TAPPETO VOLANTE come pianista del quartetto di Gianni Coscia. A 21 anni diventa stabilmente per una quindicina di anni il pianista di Paolo Tomelleri, e nel 1992 l’incontro col vibrafonista tedesco Fritz Hartscuh fa nascere il quintetto MILAN SWING che lavora in Germania per svariati anni incidendo un CD per l’etichetta germanica Bellaphon che ottiene grandi consensi nel Nord Europa. Suona in tutta Europa e ha all’attivo 33 dischi. Dal 2015 insegna alla Pop Music School di Paolo Meneguzzi pianoforte e improvvisazione.